Navigatore Gratis

Una volta era la mappa, o cartina stradale come meglio si preferisce chiamarla, e veniva utilizzata spesso per raggiungere punti delle grandi città dai guidatori meno esperti.In seguito, grazie allo sviluppo della tecnologia, sono iniziati ad arrivare nei negozi i navigatori satellitari. Una vera rivoluzione, che permetteva di risparmiare tantissimo tempo e molta pazienza. I grandi leader del settore hanno continuato per anni a far uscire navigatori di ogni tipologia e prezzo. Marchi come Garmin e TomTom sono arrivati poco alla volta nelle case della maggioranza delle persone che possiedono un auto. Le auto più lussuose hanno iniziato a proporlo come optional e nel giro di pochi anni è diventato un prodotto di cui non se ne può più fare a meno.

Ma gli smartphone, con la loro potenza di calcolo, la loro connettività verso il mondo di internet, hanno via via preso il sopravvento. A fare la parte del leone, come sempre, è Google con il suo Google Maps. Un servizio che solo poche decine di anni fa’ poteva sembrare addirittura quasi fantascientifico. Tutto questo viene fornito agli utenti in maniera completamente gratuita.

Su questo punto si devono fare però due precisazioni molto importanti: la praticità e la privacy.
Sul primo punto, la cosa è molto semplice da intuire. Una persona pratica con le nuove tecnologie, riuscirà ad utilizzare al meglio questi navigatori gratuiti, mentre i più tradizionalisti, o anziani, preferiranno pagare per avere un sistema dedicato a fare esclusivamente il navigatore. In effetti, non è molto piacevole rispondere ad una chiamata con il navigatore acceso sul cellulare. Molto spesso il software risulta fin troppo invasivo e preciso nelle sue comunicazioni, arrivando a disturbare seriamente la telefonata.
Il secondo punto riguarda invece il compromesso sulla nostra privacy, che va pagato per ottenere il servizio in maniera gratuita. Nessuno fa niente per niente e le multinazionali quali Google ad esempio, raccolgono le informazioni sui luoghi visitati, per organizzare e vendere pubblicità sempre più mirate. Un navigatore tradizionale non è infatti collegato alla rete internet, e permette un livello di privacy molto elevato.

Parlando di navigatori gratis, il primo nome che oramai tutti conosciamo a memoria è Google Maps. Un servizio immenso, che permette non solo di avere un navigatore preciso, sempre aggiornato e completamente gratuito, ma fornisce un’infinità di extra molto interessanti. Utilizzando la funzione earth, o vista satellitare, è possibile passare dalla cartina stradale alla visione fotografica dall’alto della zona di interesse. Un vezzo più che una vera necessità, e anche se consuma una mole di traffico dati maggiore, viene comunque utilizzata dagli utenti. Da poco tempo è stata inserita la possibilità di scaricare la mappa inerente al viaggio e quindi viene data la possibilità di utilizzare le funzioni basi del navigatore anche offline. Questo risulta molto utile per chi ha un piano tariffario che non prevede grossi quantitativi di traffico mobile.
Le nuove funzioni di Maps permettono di tenere sotto controllo il traffico nelle principali strade mondiali, per sapere in anteprima se ci sono ingorghi o incidenti. In caso positivo, il software avvisa del problema e traccia delle rotte alternative, indicandone addirittura i tempi di percorrenza, e le differenze rispetto al piano di viaggio originale. Inserendo invece una data di partenza posticipata, il programma riesce addirittura a fornire una previsione di traffico, minuto per minuto. Grazie a questa opzione, è possibile quindi pianificare un viaggio con largo anticipo, evitando i momenti di traffico intenso quando possibile.
I punti di interesse, o POI per chi è abituato ai navigatori tradizionali, sono un vero punto di forza di questa applicazione. Basta pronunciare il nome di un’attività, e se questa è presente nei registri di Google, il navigatore troverà in automatico la strada migliore per raggiungerlo.

Anche TomTom si è mossa nel campo delle applicazione mobile per dispositivi smartphone Android e Apple. Il navigatore di TomTom viene fornito in maniera gratuita per un uso complessivo pari a 250 km al mese, più un extra bonus di 75 km. In pratica permette di utilizzare l’app per orientarsi all’interno delle grandi città, ma non per effettuare lunghi viaggi. Per rimuovere questo limite si deve sottoscrivere un abbonamento mensile pari a circa 4 Euro.

Meno conosciuto, il navigatore totalmente gratuito Waze incorpora un servizio online di segnalazione da parte della comunità di utenti. Tra le cose da citare è sicuramente la possibilità di segnalare anche la presenza di eventuali autovelox lungo il percorso. Questo programma deve il suo successo alla sua comunità di utilizzatori, che ogni giorno inviano informazioni su traffico, incidenti e anche sulla posizione delle pattuglie lungo le strade.

Anche Navit permette di avere un comodo navigatore gratuito offline a disposizione sul terminale Android. Dotato all’incirca delle stesse caratteristiche di Waze, resta una valida alternativa disponibile sul mercato delle applicazioni del play store.

Computer Nessun commento