Hard disk esterno: guida all’acquisto

Avere un hard disk esterno è ormai una necessità, sia che si possegga un computer fisso che un notebook, e diventa un obbligo nel caso di ultrabook o di computer con una memoria SSD. I suoi usi sono diversi: copia di sicurezza dei dati più importanti, archivio di file così da poter far spazio sul computer; back up completo dei sistemi.In commercio esistono innumerevoli modelli con caratteristiche e prezzi diversi. Per aiutarti a scegliere l’hard disk esterno più adatto alle tue esigenze abbiamo deciso di illustrarti gli elementi più importanti da tenere in considerazione.
Le caratteristiche che analizzeremo sono:

  • capienza;
  • dimensioni;
  • alimentazione;
  • interfaccia di collegamento;
  • velocità di rotazione;
  • cache;
  • rapidità di trasferimento dei dati;
  • resistenza alle intemperie e agli urti;
  • software inclusi.

Probabilmente non dovrai prendere in considerazione tutti questi parametri allo stesso modo, ma individuare quelli più importanti per te. In base alle tue esigenze e all’utilizzo che farai del tuo hard disk alcuni saranno fondamentali, altri ininfluenti. Quelli secondari potranno aiutarti in caso alcuni modelli risultino in parità.

Capienza

Questo è uno degli elementi che maggiormente influisce sul prezzo ed è anche una delle caratteristiche più importanti.
Il nostro consiglio è di prendere in considerazione solo gli hard disk con almeno 500 GB di memoria, meglio ancora optare per 1 TB. Quelli con una capienza inferiore infatti, non consentono un risparmio economico tale da giustificare una scarsa memoria. In caso tu abbia bisogno di più spazio, puoi optare per hard disk da 2, 3 o anche 4 TB oppure per due o più dispositivi distinti.

Dimensioni e alimentazione

Gli hard disk esterni si distinguono in due categorie in base alle loro dimensioni: possono essere da 3,5” o da 2,5”.
Un hard disk da 2,5” è autoalimentato (ovvero basta collegarlo al computer perché funzioni) e generalmente è piccolo e maneggevole, perfetto se hai bisogno di portarlo sempre con te. Se invece lascerai il tuo hard disk sempre a casa o in ufficio, puoi optare per quello da 3,5”. Oltre ad essere più grande e pesante, ha bisogno di un alimentatore esterno collegato a una presa di corrente, ma generalmente è più veloce ed economico, quindi se la praticità di trasporto per te non è un requisito essenziale, perché non prenderlo in considerazione?

Interfaccia di collegamento e velocità di trasferimento

La maggior parte degli hard disk si collegano al computer tramite USB. Oggigiorno si utilizza prevalentemente l’USB 3.0, che consente un trasferimento dei dati a una velocità teorica di 5 GB/sec, contro i 480 MB/sec dell’USB 2.0. Dato che l’USB 3.0 è perfettamente retro-compatibile e può quindi essere usato con porte 2.0 (anche se lavorerà a una velocità inferiore), non ci sono particolari motivi per non preferirlo.
Un’alternativa al collegamento via USB è l’utilizzo della porta Thunderbolt, che consente di trasferire i dati a una velocità incredibile (fino a 20 GB/sec), ma ha ancora alcuni problemi di compatibilità e non è molto diffusa (è più frequente in ambiente Mac); inoltre il costo di questo tipo di hard disk è nettamente superiore.

Altre caratteristiche

Oltre a quelli descritti qui sopra, altri elementi che potrebbero essere tenuti in considerazione sono le dimensioni della cache, che è la memoria temporanea in cui vengono archiviati gli ultimi dati scritti o letti per poterli recuperare più rapidamente. Inoltre, dai un occhio anche alla velocità di rotazione del disco, che influisce sui tempi di accesso ai dati. La resistenza agli urti e alle intemperie può essere essenziale, soprattutto se hai bisogno di portare spesso con te il tuo hard disk.

Software inclusi

Alcuni hard disk esterni vendono forniti insieme ad un software che permette di gestire automaticamente il back up dei dati o per cifrare le informazioni. Questo ormai non è un requisito fondamentale perché la maggior parte dei sistemi operativi ha delle applicazioni adatte allo scopo, in più esistono molti software gratuiti. Tuttavia, a parità di prestazioni e prezzo questo potrebbe essere un punto in più.

Vediamo ora alcuni dei migliori modelli in commercio.

Hard disk esterno da tavolo da 3,5”

Verbatim Store N GO
È l’hard disk esterno ideale per chi desidera un dispositivo economico e funzionale, e non bada all’ingombro e al peso (notevoli). Dispone di una connessione USB 3.0 ed è disponibile nelle versioni da 1, 2, 3 e 4 TB. Il prezzo parte da 70 Euro.
Western Digital My Book
Si tratta di un dispositivo dalla struttura solida e il design particolare (simile a quello di una console). Utilizza la connessione USB 3.0 ed è possibile scegliere tra 2, 3, 4 o 6 TB di memoria. Con un prezzo che parte da 100 Euro è il migliore hard disk da 3,5” attualmente disponibile sul mercato.
Western Digital My Book Cloud
Questo hard disk da 2, 3, 6 o 8 TB con collegamento USB 3.0 può essere connesso al router tramite ethernet, diventando così un clouding personale. Disponibile dai 140 Euro, è la soluzione idea per chi ha bisogno di accedere ai propri dati ovunque.

Hard disk autoalimentato da 32,5”

Toshiba Stor. E Basics
È l’ hard disk da 2,5“ con il miglior rapporto qualità/prezzo. È un dispositivo essenziale che svolge egregiamente il suo lavoro. Con connessione USB 3.0, è disponibile nelle versioni da 500 GB, 1 o 2 TB a partire dai 45 Euro.
Western Digital My Passport Ultra
Attualmente è il migliore della categoria. Ha una forma ultracompatta per chi vuole ottime prestazioni e un design interessante. È disponibile da 1 o 2 TB in diversi colori, sempre con connessione USB 3.0, da 65 Euro. È inoltre uno degli hard disk più veloci e affidabili presenti sul mercato.

Computer Nessun commento