Come adattare Micro SIM a Nano SIM

Lo scopo di questo articolo è fornire dei suggerimenti a chi è in possesso di una scheda Micro SIM e ha bisogno di convertirla in una Nano SIM

Micro SIM e Nano SIM

La Nano SIM è una scheda SIM di dimensioni più piccole rispetto a quelle della Micro SIM. Con circa tre millimetri in meno di lunghezza e altrettanti di larghezza, infatti, la Nano SIM è grande abbastanza da contenere il solo chip.

Apparsa la prima volta nel settembre 2012 sull’iPhone 5, la Nano SIM continua ad essere usata da Apple, ma negli ultimi anni, anche altre case che producono smartphone hanno optato per questa opzione. Sono ormai lontani i tempi dei primi cellulari che ospitavano la Full-size SIM, grande come una scheda telefonica: 86 millimetri per 54. Anche le Mini SIM, chiamate Standard SIM o semplicemente SIMCARD – 25 millimetri per 15 – sono cadute in disuso. Il futuro sembra appartenere alle Nano SIM.

Chiaramente, per chi passa da uno smartphone che ospitava una Micro SIM a un modello che ha una slot per la Nano SIM, la prima cosa da fare è procurarsi la scheda adatta. Ci sono diverse possibilità, che vanno dall’acquisto di una Nano SIM alla trasformazione della vecchia Micro SIM in una Nano SIM.

Acquistare una Nano SIM

Cambiare una Micro SIM per una Nano SIM è possibile e anche molto facile. Basta recarsi in un centro del proprio operatore e chiedere la sostituzione della SIM. Normalmente viene fornita una nuova scheda che contiene tutte e tre le tipologie di SIM – Mini, Micro e Nano – inserite una dentro l’altra. Prestando un po’ di attenzione per evitare di romperla, bisogna estrarre la Nano SIM che, come detto in precedenza, è la più piccola e corrisponde al solo chip. Non servono pinze o altri attrezzi, basta seguire le istruzioni allegate.

E se un’emergenza ci costringesse a usare il vecchio telefono rimasto nel cassetto? Si inserisce di nuovo la Nano SIM all’interno della sagoma della Micro SIM fornitaci dal nostro operatore, magari bloccandola con una striscia di adesivo, per evitare che una volta poggiata sulla slot scivoli via. La sostituzione in negozio di una Micro SIM con una Nano SIM può costituire l’opzione per chi non vuole rischiare in un lavoro fai da te e preferisce andare sul sicuro. Non si tratta però di un’operazione gratuita, si spendono infatti, in media, dieci euro.

Acquistare e usare un SIM Cutter per trasformare una Micro SIM in una Nano SIM

Un modo professionale e sicuro, per trasformare da soli la propria Micro SIM in una Nano SIM, è utilizzare un SIM Cutter. Si tratta di un piccolo attrezzo, che assomiglia a quelli che si usano per bucare i fogli di carta.

Il procedimento è lo stesso, bisogna inserire la scheda nello spazio apposito ed esercitare una pressione. La Micro SIM sarà tagliata in modo preciso, proprio intorno al chip, e trasformata in una Nano SIM. I SIM Cutter, chiamati anche con il nome di taglierina, possono essere acquistati su Amazon, ebay e altri negozi online. I prezzi vanno dai due ai quindici euro ed esistono ovviamente diversi modelli. Come per tutti i prodotti comprati online, è sempre consigliato leggere le recensioni degli utenti. Importante anche valutare le opzioni offerte dai diversi prodotti. Alcuni SIM Cutter, infatti, vengono spediti insieme a degli adattatori per SIM di diverso tipo. Si tratta di supporti delle dimensioni delle SIM, con lo spazio per inserire una SIM più piccola. Per fare un esempio, la Nano SIM, inserita in un adattatore per Micro SIM, può essere usata in un cellulare che usa la Micro SIM. Su YouTube ci sono diversi video tutorial, anche in italiano, che fanno vedere passo passo la procedura da seguire.

Attenzione al codice ICCID, composto di sole cifre, che serve per cambiare operatore. È sempre meglio scriverlo e conservarlo, per evitare che il taglio della Sim lo renda illeggibile.

Modificare da soli la propria Micro SIM utilizzando delle forbici

Agire da soli non è difficile, basta agire con precisione, attenzione e avere una mano ferma. Oltre alle forbici affilate, c’è bisogno di un righello, di un pennarello indelebile a punta molto fine, di carta vetrata molto fine o una lima per le unghie, di nastro adesivo. Infine, serve un modello cartaceo che si può scaricare, in formato pdf – accertandosi che la percentuale di stampa sia al 100% al seguente link.

Il modello è fondamentale per prendere le misure esatte, perché la Nano Sim è lunga appena 12,30 millimetri e corta 8,80. Un errore durante il taglio può renderla poco salda nella slot o, peggio, renderla inutilizzabile. Su YouTube si trovano anche in questo caso dei tutorial interessanti in italiano, ma se si seguono le istruzioni e si ha una mano ferma, l’operazione può essere effettuata in pochi minuti.

Prima di tutto, bisogna ricordarsi di salvare il codice ICCID. Poi, una volta stampato il modello cartaceo in formato A4, posizionare la Micro Sim sull’ultima sagoma, quella indicata con la dicitura MicroSIM (3FF) to NanoSIM (4FF). Una sottile striscia di nastro adesivo servirà per bloccarla nella posizione giusta. Con il pennarello indelebile si disegnano i nuovi bordi della scheda, seguendo le quattro linee a croce e quella in diagonale. A questo punto si ritaglia la scheda con le forbici, seguendo le linee appena tracciate con il pennarello e evitando di danneggiare il chip. Sono disponibili nei negozi online delle pinze di precisione adatte a bloccare degli oggetti delicati come le SIM senza rovinarle. Dopo aver levigato i bordi con la carta vetrata fine, o una lima per le unghie, si può finalmente inserire la Nano SIM nella slot dello smartphone.

Soddisfatti per avercela fatta da soli, con l’aiuto di un foglio di carta e degli attrezzi che si trovano in casa?

Ricordiamo che la scheda, così modificata, non entrerà più nel vecchio cellulare. Sempre su Amazon, ebay e gli altri negozi online, si possono trovare quegli utilissimi adattatori per Micro e Nano Sim a partire da meno di un euro.

Telefonia Nessun commento